come ci vedono gli altri..

Linea Verde  

vai sul sito rai.tv

     
Geo & Geo  
     
Trip Advisor  

Trip Advisor è il Portale di viaggi più grande del mondo, ed alla pagina dell'Agriturismo Valle dei Cavalieri puoi vedere le recensioni fatte dai nostri clienti ed inserirne di tue!

     
Bandiera Verde   Dario Torri

La coop Valle dei Cavalieri di Succiso premiata dalla Cia (Confederazione Italiana Agricoltori) con la Bandiera Verde Agricoltura 2013, conferito alle eccellenze agricole, all’innovazione e alla tradizione, alla solidarietà e ai comportamenti virtuosi

“Abbiamo ritenuto giusto premiare questa esperienza virtuosa di cooperativa di comunità dove l’associazione è volontaria e la proprietà è comune. Un esempio di come le risposte della collettività, anche supportate dagli enti locali, creano servizi e superano inefficienze, generando un valore economico e occupazione dentro una medesima comunità. Nelle varie attività della cooperativa, tra l’altro, hanno trovato spazio un allevamento ovino e un agriturismo. Aver fortemente perseguito l’obiettivo di scongiurare il totale abbandono di un piccolo Borgo, e quindi delle sue specificità, si è dimostrata una scelta giusta che ha messo al centro la qualità della vita degli individui e la salvaguardia del territorio e della sua storia. L’esperienza della cooperativa di Succiso coincide perfettamente con la filosofia che ha ispirato la nascita del riconoscimento della Bandiera Verde-agricoltura”

     
Momoyama University   Naonori Tsuda

Il professore NAONORI TSUDA, docente di economia all’università di St. Andrew’s (Momoyama Gakuin University) di Osaka, che si interessa di aspetti sociali ed economici delle “cooperative di comunità” in tutto il mondo, ha visitato la Cooperativa di Comunità Valle dei Cavalieri di Succiso quale esempio di eccellenza in questo ambito

"Oggi l’economia ruota intorno a servizi di base e prodotti di eccellenza.."
     
La Repubblica   La Repubblica

La cooperativa Valle dei Cavalieri di Succito è un modello studiato anche all’estero perché ha permesso la rinascita di un borgo destinato allo spopolamento e al degrado

"Nel paese che doveva morire è difficile oggi trovare momenti di pausa. Albaro al mattino porta i bambini a scuola nel capoluogo (Ramiseto, a 20 chilometri), col pulmino della cooperativa. Otto bimbi in tutto, dalla materna alle medie. Poi passa in farmacia a prendere le medicine ordinate dal medico e fa la spesa per la bottega. Al pomeriggio prepara il pecorino, al sabato sera fa il pizzaiolo al ristorante. Giovanni cura i pascoli e le 243 pecore di razza sarda. Emiliano è il cuoco del ristorante, Maria tiene il negozio, Piera fa la cameriera, Fabio e Davide lavorano con la ruspa o l’escavatore o fanno le guide per le escursioni nel parco nazionale dell’Appennino tosco emiliano"

     
Km 0  

Il ”Menù a Kilometri Zero”, oltre a garantire qualità e freschezza, intende recuperare e valorizzare il patrimonio agro-alimentare e gastronomico del Parco Nazionale. Il progetto intende incentivare le filiere agro-alimentari locali e tradizionali, avvicinare produttori e consumatori, ed incentivare forme di turismo correlate alle eccellenze del territorio.
Il nostro Ristorante propone “Menù a Kilometro Zero” un po’ in tutte le stagioni.
I prodotti della nostra Fattoria vanno dall’agnello al castrato, dal formaggio Pecorino ai salumi. dai tortelli fatti in casa al pane alla pizza e ai dolci caserecci.

Ancora una volta Menu a Km Zero diventa un biglietto da visita per il nostro territorio - afferma Fausto Giovanelli, presidente del Parco - Sono tantissime le persone che hanno frequentato in quest'Autunno l'Appennino e che hanno lasciato un segno tangibile del loro gradimento, votando la struttura ristorativa. Il progetto 'Menu a Km Zero' dimostra di essere una giusta intuizione utile a recuperare e valorizzare il patrimonio agro-alimentare e gastronomico locale, promuovere negli esercizi di ristorazione la valorizzazione dei prodotti agro-alimentari del territorio del Parco, e non ultimo incentivare forme di turismo correlate alle eccellenze paesaggistiche in una stagione turisticamente ancora marginale come l'autunno